VISITA A TRANI: LA PERLA DELL’ADRIATICO

Visita a Trani; un comune della Puglia che condivide assieme ad Andria e Barletta il titolo di capoluogo di provincia. Affascinante cittadina che si affaccia direttamente sul mare, poggia su terreno prevalentemente pianeggiante
Trani è nota come “la Perla dell’Adriatico”  ed è una importantissima meta turistica a livello nazionale sia per la qualità della propria costa e del proprio mare, che per le diverse bellezze artistiche ed architettoniche, appartenenti alle epoche più disparate, che continuano a testimoniare il suo passato glorioso.

Cosa vedere a Trani
Si inizia con la Cattedrale Romanica di Trani, intitolata al santo patrono San Nicola Pellegrino. È la costruzione più prestigiosa della città: un’architettura romanica nata sotto la dominazione normanna, realizzata proprio con la celebre “pietra di Trani“, un tufo calcareo di colore rosa chiarissimo, che viene estratto nelle cave vicine la città e poi esportato in tutto il mondo.  La Cattedrale è inoltre nota sia per le opere che ospita, che per la piazza all’interno della quale la troviamo (spesso e volentieri viene utilizzata per ospitare concerti di artisti nazionali ed internazionali).

Un’altra struttura religiosa da visitare a tutti i costi è il Monastero di Santa Maria di Colonna, situato sulla penisoletta di Capo Colonna (una zona che un tempo era al di fuori della città, ma che oggi si trova inserita in una florida zona turistico-residenziale).

Un altro edificio romanico, che conserva opere d’arte dal valore inestimabile e che ospita diverse importanti iniziative culturali. Altrettanto importanti sono le architetture militari locali, con il Castello svevo di Trani che la fa semplicemente da padrone. Si tratta di un edificio voluto nel 1233 dal re Federico II e costruito sul molo di Sant’Antonio; un fortino dalla cui sommità è possibile ammirare tutta l’insenatura su cui nasce il borgo antico e guardare tutti insieme i più begli edifici locali.

Parlando invece di architetture civili, vale la pena di segnalare quanto meno la Torre dell’Orologio, l’edificio più alto di tutto il centro storico, il Palazzo Caccetta, una delle più interessanti espressioni del Rinascimento locale, ed il Palazzo Antonacci Telesio, edificato invece nei primi dell’800 e poi ampliato nel 1845. Una struttura resa unica dal Museo delle Carrozze che ospita al suo interno: stiamo parlando di una raccolta di ben 33 carrozze ottocentesche, appartenenti per lo più alla famiglia Telesio, che mostra l’abilità artigianale dell’epoca e ci permette di rivivere in maniera inedita la storia di un’intera classe sociale.

Non si può non fare una passeggiata nella Villa Comunale, il giardino pubblico più grande della città, che si estende su un terrazzamento a picco sul mare, cinto dai bastioni dell’antica fortificazione cittadina. Una location davvero unica, che offre una vista spettacolare ed ospita al suo interno una fauna ed una flora particolarmente variegata: si va dalle palme ai lecci, dalle querce ai pini, passando per 18 vasche valorizzate con la pietra di Trani di cui sopra, che ospitano circa 500 pesci delle specie più disparate (provenienti da quasi tutti i laghi ed i fiumi del mondo).